Posted by on mar 24, 2016 in , | 0 comments

Alice Guy, la prima regista nella storia del cinema diceva alle donne “Elles tournent!”. Con “Alice e le altre” abbiamo riflettuto sul suo invito, dedicando una rassegna alle donne che il cinema lo “fanno”, lo amano, lo seguono, lo interpretano. Una piccola rassegna senza riflettori, né tappeti rossi, che ci darà l’opportunità di conoscere “da vicino” i racconti, i sogni, le visioni di registe e di protagoniste. Un cinema che ci fa recuperare il senso di appartenenza a una collettività femminile.
Per tutto il corso del 2017 Ammirato Culture House ospiterà incontri, proiezioni, laboratori.

Prossimi appuntamenti:

DOMENICA 26 MARZO ORE 19
EXTRA | DIARI |PINA!
“Pina” di Wim Wenders (GERMANIA, 2011, 100′)
Wenders (ri)cerca Pina Bausch e la trova: l’emozione passa così intatta e vivificata dalla danza allo schermo. Un “memoriale” sulla geniale coreografa Pina Bausch, icona dell’arte che che ha regalato alla danza un linguaggio nuovo. Un lavoro che si rivolge in modo particolare agli amanti della danza ma il forte sentimento con cui è realizzato riesce a scavare nell’animo di un pubblico più vasto, facendo scoprire il mondo di Pina Bausch.

DOMENICA 23 APRILE ORE 17 
DIARI | ANNA, LA GIORNALISTA
211: Anna (2008), di Paolo Serbandini, Giovanna Massimetti
Il documentario ripercorre tutta la carriera di Anna Politkovskaya, dagli inizi accanto al marito, giornalista e conduttore di uno dei primi programmi “liberi” dell’era Gorbaciov agli articoli sulla Novaja Gazeta. Il documentario contiene immagini inedite e rare della giovinezza di Anna e propone sue testimonianze filmate nei mesi precedenti il suo omicidio. Negli ultimi tempi stava conducendo un’inchiesta sulle torture e sulle violazioni dei diritti umani in Cecenia e ripeteva spesso “E’ un miracolo se sono ancora viva”.

DOMENICA 21 MAGGIO ORE 20
DIARI | LA RAGAZZA DEL ROCK
“The punk singer” di Sini Anderson (USA, 2013, 1h,22′)
Il documentario racconta la personalità artistica di Kathleen Hanna, una giovane musicista punk rock degli anni ’90, che ha fondato il movimento femminista chiamato Riot Grrrl per combattere le varie discriminazioni che colpiscono le donne all’interno della società. Con un montaggio serrato e dinamico di materiale di repertorio, interviste e filmati di concerti ufficiali ed amatoriali, la regista riesce a svelare la natura e l’identità più sincera di Kathleen Hanna, questa giovane ragazza con un’infanzia difficile alle spalle, che scopre di avere una voce potente,in grado di urlare al mondo quello che c’è di sbagliato e che occorre cambiare.

DOMENICA 23 GIUGNO ORE 20

DIARI | ALDA
“La pazza della porta accanto” di Antonietta De Lillo (ITALIA, 2013, 52′)
Antonietta De Lillo incontra la poetessa Alda Merini (1931-2009): le conversazioni tra le due, inframmezzate dalla lettura di sue poesie per voce dell’attrice Licia Maglietta

DOMENICA 23 LUGLIO ORE 20,00
DIARI | MARILYN
“Love Marilyn, i diari segreti” di Liz Garbus (USA, 2011, 99′). Nel 1956, fresco di studi compiuti in scuole come Eton e Oxford, Colin Clarke lavorava come assistente di Sir Lawrence Olivier sul set del film “Il principe e la ballerina”, nel quale Marilyn Monroe – appena sposatasi con Arthur Miller – recitava al fianco del grande attore inglese. Clark raccontò di quell’esperienza in un libro, tralasciando però di parlare di una specifica settimana che è invece al centro di My Week With Marilyn: una settimana in cui fu incaricato di prendersi cura dell’attrice che necessitava di un periodo di pausa per riprendersi dalle pressioni che sentiva sul set del film.

20 DOMENICA 24 SETTEMBRE ORE 21,00
DIARI | NINA!
“What happened, Miss Simone?” di Liz Garbus (USA, 2015, 102′)
Lisa Simone Kelly, che racconta la vita di sua madre, ovvero Eunice Kathleen Waymon, in arte Nina Simone. È un film di montaggio fatto di concerti, interviste e documenti d’epoca (è stata in attività dal 1954 al 2003), intervallati da qualche intervista realizzata dopo la sua morte ai suoi compagni di viaggio. Dagli inizi come prodigio del pianoforte classico, ai primi successi come cantante e pianista, all’impegno politico, fino agli aspetti più delicati della sua vita personale.

DOMENICA 29 OTTOBRE ORE 20,00
DIARI | CARLA, GOLIARDA, LUISA!
“Carla Lonzi” di Gianna Mazzini G(Italia, 2002, 30′)
Documentario dedicato a Carla Lonzi, la prima femminista dell’autocoscienza e della differenza sessuale, fondatrice delle edizioni di Rivolta femminile dai primissimi anni ’70. Regia di Gianna Mazzini su progetto di Loredana Rotondo per “Vuoti di memoria” Rai Educational, 2002
“I quaderni di Luisa” di Isabella Sandri (Italia, Sacher Film, 2001, 28′): Luisa T. a 35 anni comincia a affidare al suo diario il racconto della sua vita . Sposa a 18 anni, madre di due figli, occupa della casa e dei lavori in campagna. E’ sempre più sola e disperata. le sue giornate sono noiose e ripetitive, con un marito-padrone che non ama e che non la ama. ma nel tempo riesce a confidare anche le suoe prime ribellioni e il suo dolore che, altrimenti resterebbe inascoltato. A seguire “Goliarda Sapienza” di Manuela Vigorita e Loredana Rotondo (Italia, 2002, 30’, lavoro dedicato all’attrice e scrittrice italiana che crebbe, per volere dei genitori, in un clima di assoluta libertà da vincoli sociali: il padre ritenne opportuno non farle nemmeno frequentare la scuola, per evitare che la figlia fosse soggetta a imposizioni e influenze fasciste.

DOMENICA 26 NOVEMBRE ORE 19
DIARI | EXTRA |LABORATORIO
-> Laboratorio di scrittura a numero chiuso (Info e iscrizioni simonacleopazzo08@gmail.com)
-> Proiezione “Tremate, le streghe son tornate…” (Italia, 44′)
Docufilm tratto da “La storia”, rai3 (Italia, 44′) uno degli slogan che hanno scandito la battaglia di una generazione, quella del movimento femminista italiano. La professoressa Elda Guerra analizza, in particolare il periodo che va dal 1970, in cui esce il “Manifesto di rivolta femminile” e il 1981, anno in cui dal codice penale escono due norme ormai “antiche”: il delitto d’’onore e il matrimonio riparatore che davano grandi attenuanti agli autori di violenze sulle donne.

Nel corso del laboratorio sarà definita la programmazione delle proiezioni di dicembre
La rassegna sarà interamente gratuita.